Onu chiede cessate il fuoco a Misurata

Onu chiede cessate il fuoco a Misurata

Onu chiede cessate il fuoco a Misurata

TRIPOLI - L'Onu ha chiesto il cessate il fuoco a Misurata. L'obiettivo è quello di poter portare aiuti a feriti e civili, dopo che la Nato si è impegnata a difendere la città ormai sotto assedio da una quarantina di giorni, accusando Muammar Gheddafi di usare i civili come "scudi umani". A Bengasi, due pescherecci e un rimorchiatore stanno attendendo che il mare torni calmo per poter partire alla volta della città situata a circa 200 chilometri da Tripoli e distribuire aiuti.

 

Nel frattempo continuano i raid aerei. L'Alleanza ha colpito le forze filo-rais a Misurata e contro un serbatoio militare vicino alla città orientale di Brega. Nella circostanza sono rimasti cinque ribelli, mentre i feriti sono una decina. Intanto il presidente americano Barack Obama ha risposto al messaggio inviato da Gheddafi nel quale chiedeva la fine dei raid aerei.

 

Mercoledì prossimo si riunirà a Doha, in Qatar, il gruppo di contatto sulla Libia, che ha "l'incarico di garantire la gestione politica dell'intervento militare e l'applicazione delle risoluzioni Onu", ha detto il ministro degli Esteri francese Alain Juppé in un'audizione al Senato. Il segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, e il ministro degli esteri italiano, Franco Frattini, hanno dichiarato che obiettivo comune di Usa e Italia è l'esilio del colonnello.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -