Pakistan, sangue e dolore nel giorno dell'addio a Benazir Bhutto

Pakistan, sangue e dolore nel giorno dell'addio a Benazir Bhutto

E’ stato il giorno dell’estremo saluto a Benazir Bhutto, la leader dell’opposizione in Pakistan uccisa giovedì da Al Qaeda al termine di un comizio elettorale a Rawalpindi. La sua salma è stata trasferita nel mausoleo di famiglia di Garhi Khuda Bakhsh, nei pressi della città di Larkana. Ad accompagnare il feretro, oltre ad un bagno di folla, anche il marito e i tre figli della ex premier. Nel giorno dei funerali non sono mancati gli episodi di violenze: 17 i morti.

A perder la vita anche tre poliziotti durante gli scontri e le violenze che si sono registrati in tutto il Pakistan. Lo hanno reso noto fonti di polizia, precisando che le proteste piu' violente si sono concentrate nella provincia meridionale di Sindh, da cui proveniva l'ex premier uccisa in un attentato suicida a Rawalpindi e dove si sono contati 16 morti.

LA SEPOLTURA - La salma di Benazir Bhutto è stata sepolta accanto a quella del padre, l’ex premier Zulfikar Ali Bhutto, anch’egli ucciso brutalmente nel 1979.

La rivendicazione di Al Qaeda. C’è la mano di Al Qaeda dietro all’omicidio di Benazir Bhutto, la leader dell’opposizione al governo militare del generale Perve Musharraf. E' quanto ha dichiarato il principale portavoce dell'organizzazione terroristica Sheikh Saeed in un colloquio telefonico con l’Aki-Adnkronos International. La Bhutto (54 anni) sarebbe stata colpita da un cecchino al termine di un comizio elettorale. Dopo l’assassinio l’attentatore si sarebbe fatto esplodere provocando altri 20 morti.


Sharif: una tragedia per la nazione. "Una tragedia per l'intera nazione": cosi' l'ex primo ministro Nawaz Sharif ha definito, intervistato dalla Bbc, l'assassinio di Benazir Bhutto accusando il governo di Pervez Musharraf di non aver fatto abbastanza per proteggerla. Secondo l'altro leader dell'opposizione, "vi sono state delle gravi falle nel sistema di sicurezza, il governo avrebbe dovuto garantire una piena protezione alla Bhutto".


Musharraf: mantenere la pace. Il Presidente pachistano Perwez Musharraf ha lanciato attraverso la televisione di stato un appello ai suoi connazionali chiedendo loro di mantenere la pace in seguito all'assassinio di Benazir Bhutto, ''in modo da sconfiggere i progetti diabolici dei terroristi''. Subito dopo aver appreso dell'attentato contro l'ex Premier, e leader del Partito popolare pachistano, Musharraf e' riunito con i suoi piu' stretti collaboratori e ministri.

Tre giorni di lutto nazionale. Il Presidente del Pakistan, Perwez Musharraf, ha proclamato tre giorni di lutto nazionale per commemorare Benazir Bhutto. Proprio contro Musharraf ha puntato il dito il marito della Bhutto, ritenendolo responsabile dell’omicidio della moglie.


Stato di massima allerta. Le forze paramilitari pachistane sono state poste in stato di massima allerta in tutto il Paese dopo le proteste che hanno fatto seguito, in diverse citta' del Paese, all'assassinio di Benazir Bhutto. ''Abbiamo messo il Paese in stato di massima allerta. Le forze paramilitari sono state messe a disposizione delle province, cosi' da poter assicurare sicurezza e pace'', ha dichiarato il portavoce del ministero degli Interni, Javed Cheema. La polizia e' intervenuta con gas lacrimogeni e manganelli per disperdere i manifestanti che protestavano a Peshawar, in seguito alla notizia dell'assassinio di Bhutto. Violente manifestazioni erano state segnalate anche a Rawalpindi e a Karachi.


Premier Sharif ritira candidatura alle elezioni. Il leader dell'opposizione in Pakistan, Nawaz Sharif, ha preannunciato la sua intenzione di non partecipare, insieme al suo partito della Lega Musulmana-N, alle elezioni legislative del prossimo mese. Una decisione presa poche ore dopo l'assassinio di Benazir Bhutto, che nelle scorse settimane lo aveva invece convinto a presentare una lista. Sharif ha anche convocato uno sciopero generale.


A Ginevra indagine sulla Bhutto. Benazir Bhutto, uccisa in un attentato, era oggetto di un'indagine in Svizzera. Le autorita' ginevrine stanno conducendo ricerche a seguito di sospetti di riciclaggio nei riguardi dell'ex prima ministra pachistana e del marito Asif Ali Zardari. Interpellato lo scorso ottobre dall'agenzia di stampa elvetica Ats, il giudice istruttore Vincent Fournier si era limitato a dire di aver ultimato la sua indagine e di volerla trasmettere agli organi competenti, senza nulla aggiungere.


Papa: ‘’Morte Bhutto un brutale attacco terroristico” - Benedetto XVI ha inviato un telegramma di cordoglio al Presidente della Conferenza episcopale del Pakistan, mons. Lawrence John Saldhana, per la morte dell'ex premier Benazir Bhutto e ha definito il suo omicidio ''un brutale attacco terroristico''.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -