Palestina, sciolto il Governo: Hamas conquista Gaza

Palestina, sciolto il Governo: Hamas conquista Gaza

RAMALLAH - Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha deciso di sciogliere il governo di unita' nazionale con Hamas. Il presidente, meglio conosciuto con il nome di Abu Mazen, ha anche deciso di dichiarare lo stato di emergenza nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania. Annunciate anche nuove elezioni non appena la situazione si sarà almeno in parte placata.


Nel frattempo è stato formato un terzo governo “d’emergenza”, che sostituisce quello che si era costituito il 17 marzo e vedeva la presenza di ministri indipendenti e legati alle due principali fazioni palestinesi.


IL PREMIER NON SI DIMETTE - Il primo ministro palestinese, l'esponente di Hamas Ismail Haniyeh, ha dichiarato questa mattina che intende mantenere il suo incarico malgrado il presidente Mahmoud Abbas abbia sciolto ieri sera il governo di unita' nazionale. In una conferenza stampa questa mattina a Gaza, Haniyeh ha definito "affrettata" la decisione di Abbas e negato che Hamas voglia costituire uno stato islamico separato nella Striscia di Gaza. La Striscia, ha detto, e' solo una parte della patria palestinese.

HAMAS CONQUISTA GAZA - “E’ l’inizio di un dominio islamico”. Queste sono le dichiarazioni rilasciate da un portavoce di Hamas, dopo che il movimento islamico ha conquistato la sede della sicurezza preventiva, fedele a Fatah, il movimento contro il quale in questi giorni si sono scatenati violentissimi scorsi che sono costati la vita a decine di persone.


La tv controllata da Hamas ha trasmesso immagini nelle quali venivano mostrati depositi di armi che, secondo il movimento integralista, sono stati forniti a Fatah dagli Stati Uniti e Israele. L’arrivo di Hamas ha portato anche al mutamento del nome del quartiere nel quale sorge l’edificio sede dell’intelligence palestinese, un tempo denominato Tel al Hawa (collina dell'amore) oggi ribattezzato Tel al Islam (collina dell'Islam).


MINACCE DI ESECUZIONI - Minacce di esecuzioni di leader di Fatah giungono dai media di Hamas, riferisce il sito israeliano Ynetnews. "Vi prenderemo" affermano i media del movimento islamico, che forniscono anche nomi degli obiettivi da colpire.

INCENDIATA STAZIONE RADIO PALESTINA - Uomini armati di Hamas hanno conquistato la sede della radio palestinese a Gaza, confiscato l'equipaggiamento e incendiato l'edificio, riferiscono fonti palestinesi citate sul sito Ynetnews.


RAFAH NELLE MANI DI HAMAS - La citta' di Rafah, al confine con l'Egitto nel sud della Striscia di Gaza, e' ora sotto il controllo di Hamas, secondo quanto riferiscono testimoni e fonti della sicurezza locale, citati dal sito di Haaretz.


16 MORTI IN UNA MATTINATA - Un totale di 16 persone sono rimaste uccise questa mattina a Gaza negli scontri fra le milizie di Hamas e al Fatah. Dieci di loro hanno perso la vita a Citta' di Gaza, nella battaglia per il controllo del quartier generale delle Forze per la sicurezza preventiva che fa capo all'Autorita' nazionale palestinese del Presidente Abbas lanciata dalle milizie di Hamas. Lo rende noto l'emittente televisiva al Jazeera precisando che la maggior parte delle vittime sono agenti di al Fatah.


BUSH PREOCCUPATO - Il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha espresso oggi "profonda preoccupazione" per gli scontri palestinesi a Gaza, degenerati in vera e propria guerra civile.


VERTICE STRAORDINARIO DELLA LEGA ARABA - La Lega Araba si riunira' domani per una sessione d'emergenza per discutere della drammatica situazione a Gaza e di quanto successo ieri in Libano, dove e' stato ucciso un deputato della maggioranza antisiriana, Walid Eido. Secondo quanto si e' appreso dal quartier generale dell'organizzazione al Cairo, alla riunione parteciperanno domani 15 ministri degli Esteri dei 22 Paesi della Lega.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

APPELLO DELL’EUROPA - A Gaza cessino immediatamente le violenze e si torni al tavolo negoziale, Hamas e Fatah investano "tutta la propria energia" nel governo di unita' nazionale. E' l'appello lanciato dal commissario europeo alle Relazioni esterne Benita Ferrero-Waldner di fronte al dilagare della guerra civile a Gaza. "Siamo allarmati - afferma il commissario in un comunicato - dalla ferocia dei recenti scontri". Secondo la responsabile Ue "il forte deterioramento delle condizioni di vita a Gaza, combinate con la mancanza di una prospettiva politica o economica, ha contribuito al diffuso sentimento di disperazione. Questo e' un fattore che ha contribuito allo sviluppo di estremismo e violenza".


Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -