Paura nucleare in Giappone, ''si parla di apocalisse''

Paura nucleare in Giappone, ''si parla di apocalisse''

Paura nucleare in Giappone, ''si parla di apocalisse''

TOKYO - "Un'apocalisse". Non usa mezzi termini il commissario all'energia Unione Europea, Guenther Oettinger, per definire l'incidente avvenuto nella centrale nucleare di Fukushima. La valutazione della gravità degli incidenti nucleari in Giappone, innescati a catena dalla terribile scossa di terremoto di magnitudo 9.0 Richter di venerdì scorso, "è passata da un livello 4 ad un livello 6 sulla base di quanto successo nelle ultime 24 ore", ha aggiunto Oettinger.

 

"Praticamente tutto è fuori controllo - ha proseguito il commissario all'energia dell'Ue -. Non escludo il peggio nelle ore e nei giorni che vengono". Il direttore generale dell'Aiea, il giapponese Yukiya Amano, ha affermato che il nocciolo 2 della centrale nucleare di Fukushima potrebbe aver subito danni limitati. "C'è la possibilità di danni al noccioli. La stima è che il danno sia inferiore al 5%", ha detto Amano in una conferenza stampa a Vienna.

 

Il livello dell'acqua di raffreddamento del reattore 2 sta "recuperando senza intoppi", secondo quanto ha comunicato la società gestrice, la Tokyo Electric Power Company (Tepco). Martedì sono stati evacuati 750 addetti dalla centrale nucleare di Fukushima 1 e nell'impianto sono rimasti solo una cinquantina di tecnici. I circa 200mila residenti nel raggio di 20 chilometri dall'impianto sono stati sgomberati. Obbligo di rimanere in casa per chi abita entro un raggio di 30 chilometri.

 

Dal governo sono arrivate le prime ammissioni. Le radiazioni dovute all'esplosione di martedì nel reattore 4 della centrale di Fukushima potrebbero essere "dannose per la salute" della popolazione, ha spiegato da Parigi il ministro degli Esteri giapponese, Takeaki Matsumoto, durante la conferenza stampa che ha seguito la riunione del G8.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -