Pdl, la minaccia della Mussolini: ''O la Carfagna mi fa le scuse o non voto la fiducia''

Pdl, la minaccia della Mussolini: ''O la Carfagna mi fa le scuse o non voto la fiducia''

Pdl, la minaccia della Mussolini: ''O la Carfagna mi fa le scuse o non voto la fiducia''

ROMA - Alessandra Mussolini minaccia: o Mara Carfagna le chiede scusa dopo averla attaccata in un'intervista al quotidiano "Il Mattino" di Napoli o non vota la fiducia il prossimo 14 dicembre. Il deputato del Pdl ha parlato al Tg La7. "Non voto la fiducia ad un governo dove c'è un Ministro per le Pari Opportunità che insulta le donne", ha tuonato la Mussolini. La guerra tra la nipote del Duce e il ministro salernitano è iniziata tra i banchi della Camera la scorsa settimana.

 

Mussolini aveva sorpreso la Carfagna conversare con il capogruppo di Fli alla Camera, Italo Bocchino. Per la nipote del Duce è stato tutto fin troppo chiaro. A tale punto da prende il suo telefonino e scattare una foto. Il ministro si è accorto della scenetta, ha cominciato a battere polemicamente le mani ed esclamare "brava, brava!". "Vergogna!", ha risposto a muso duro la Mussolini.

 

"Quello è stato un atto di cattivissimo gusto che non merita commenti ma che si addice alla persona che l'ha commesso", ha commentato la Carfagna a "Il Mattino", "a Napoli le chiamano vaiasse...", che in dialetto napoletano viene utilizzato per indicare una 'serva'.

 

"La Mussolini - aveva continuato il ministro - è colei che in campagna elettorale disegnava le corna sui miei manifesti, che ha portato i cannoli alla conferenza stampa con Alfano. In un partito serio una 'signora' del genere sarebbe stata messa a tacere, invece mai nessuno ha avuto il coraggio di bloccarla".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -