Pensioni, scontro tra Governo e sindacati

Pensioni, scontro tra Governo e sindacati

Roma - ''Siamo entrati in una fase decisiva. Se non saremo in grado di trovare la quadratura del cerchio in dieci giorni, quindi entro il 28 giugno, si aprirà una fase difficilmente sostenibile e critica per il paese. Dobbiamo trovare una soluzione e fare uno sforzo di responsabilità''. Il ministro del Lavoro, Cesare Damiano, interviene così sul tema delle pensioni, a poche ore dall'incontro con le parti sociali, durante l'assemblea di Confesercenti.

Polemico anche il segretario generale della Cgil, Guglielmo Epifani, intervenuto a Catanzaro per partecipare allo sciopero generale, che afferma così a poche ore dal confronto tra sindacati e Governo sul delicato tema delle pensioni: ‘’Abbiamo visto dei costi per superare lo scalone che sono davvero inverosimili. E' come se il Tesoro volesse dire che ci sono poche risorse e pochi spazi ancor prima di iniziare la trattativa. Così l’avvio è decisamente pessimo, perchè noi lo scalone lo vogliamo davvero superare".

Parte dei costi si possono trovare nel sistema previdenziale, una parte la dovrà mettere il Governo – ha proseguito Epifani – Non si può evitare questo problema. E’ bene saperlo subito prima di andare all'affondo decisivo, altrimenti alla fine possiamo trovarci brutte sorprese, e cioè di un sindacato che dice no al Governo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo Damiano, se non si trova l'accordo sulla previdenza e l'extragettito entro la fine del mese si rischia di entrare "in una fase difficile e critica per il Paese.’’.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -