Pirellone, la Lega salta l'inno di Mameli

Pirellone, la Lega salta l'inno di Mameli

MILANO - La Lega Nord ha disertato l'esecuzione dell'Inno di Mameli prima del consiglio regionale lombardo. Esattamente come due settimane fa i rappresentanti del carroccio hanno saltato l'inno trascorrendo il tempo dell'esecuzione al bar del Pirellone. Il presidente del consiglio Davide Boni, come la scorsa volta per il suo ruolo istituzionale, mentre Giangiacomo Longoni che è rimasto al suo posto ma seduto, ha letto con indifferenza il giornale.

Il rito dell'inno all'inizio di ogni seduta del consiglio è stata decisa, per tutto il 2011, con una legge regionale per celebrare i 150 anni dell'unità d'Italia. Sulla questione è intervenuto il presidente della Camera, Gianfranco Fini, evidenziando come "la proclamazione dell'indivisibilità dell'Italia comporta l'assoluto divieto di secessione di parte del territorio; ipotesi del tutto incompatibile con la Costituzione e fermamente respinta dalla comunità democratica degli italiani".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -