'Porta a Porta', per Van Straten ''un flop clamoroso''

'Porta a Porta', per Van Straten ''un flop clamoroso''

ROMA - "Un flop clamoroso, forse la peggiore performance di RaiUno nell'anno". Così il consigliere di amministrazione Rai Giorgio Van Straten, in merito alla puntata in prima serata di martedì di ‘Porta a Porta' con ospite nel salotto di Bruno Vespa il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Van Straten giudica la scelta del direttore generale della Rai, Mauro Masi, "non solo inaccettabile sotto il profilo del pluralismo informativo e del buon giornalismo, ma anche completamente sbagliata rispetto agli interessi dell'azienda, come era facilmente prevedibile e anche io avevo previsto".  Quindi si è augura che "da oggi, nell'interesse del paese e della Rai, i giornalisti tornino a fare i giornalisti e i dirigenti a dirigere l'azienda con autonomia ed efficienza".

 

Secondo il consigliere d'amministrazione Rai, Nino Rizzo Nervo la Rai ha mancato un ricavo di circa 500mila euro "dovuti - spiega Rizzo - alla disdetta dei contratti da parte di importanti inserzionisti che avevano acquistato gli spot all'interno di "Tutti pazzi per la tele" e di "Ballarò" e che non hanno accettato il cambio con "Porta a porta" con il film "La caduta". "La trasmissione - ha continuato Rizzo - era stata presentata come una doverosa scelta del servizio pubblico di fronte a una tragedia come quella del terremoto in Abruzzo. Chi l'ha vista, ha potuto constatare che si è trattato di un tentativo di propaganda senza contraddittorio su tutti i temi dell'attualità politica".

 

"Le trasmissioni che ospitano Silvio Berlusconi danneggiano la Rai al solo scopo di favorire Mediaset". E' la teoria sostenuta da Antonio Di Pietro che sul suo blog commenta il flop di ascolti di "Porta a Porta". "Visto che ormai nelle trasmissioni dove interviene il presidente del Consiglio si registra una debacle, un netto crollo degli ascolti, ritengo che Silvio Berlusconi -dichiara il presidente dell'Idv- debba apparire e danneggiare le sue televisioni, e non quelle del servizio pubblico. Mentre Vespa raccatta un umile 13,47% di share, Mediaset si frega le mani con gli incassi pubblicitari dei suoi canali che accolgono i fuggiaschi delle reti Rai".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -