Processo breve, caos alla Camera. L'esame slitta a martedì

Processo breve, caos alla Camera. L'esame slitta a martedì

Processo breve, caos alla Camera. L'esame slitta a martedì

ROMA - Anche quella di giovedì è stata una giornata di caos alla Camera, dove dopo la bagarre di mercoledì è ripreso l'esame del provvedimento sul processo breve. Dopo la richiesta del Pd di far tornare il provvedimento in commissione viene respinta per soli due voti, l'esame del testo è rinviato a martedì prossimo (il ddl all'ultimo punto dell'ordine del giorno). Una retromarcia forzata per la maggioranza che auspicava di chiudere rapidamente la questione.

 

Non sono mancati gesti di stizza, tafferugli e violenze verbali, con il presidente della Camera, Gianfranco Fini, colpito in testa da un giornale lanciato da un deputato del Pdl; mentre il ministro Angelino Alfano ha tirato la tessera che i deputati usano per le votazioni verso i banchi dell'opposizione. Nel pomeriggio invece la deputata del Pd disabile Ileana Argentin offesa ed insultata dal centrodestra, con successive scuse da parte della Lega.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -