Propaganda Fide, interviene la Corte dei Conti: restituire i soldi pagati

Propaganda Fide, interviene la Corte dei Conti: restituire i soldi pagati

Propaganda Fide, interviene la Corte dei Conti: restituire i soldi pagati

Restituire i soldi dati a "Propaganda Fide" per l'acquisto del palazzo in piazza di Spagna. Lo afferma la Corte dei Conti citando Arcus, la società ministeriale che ha erogato cinque milioni di euro per la ristrutturazione dell'immobile. La corte amministrativa chiede il risarcimento del danno erariale anche a seguito dell'avviso a dedurre notificato dieci giorni fa al direttore generale Ettore Pietrabissa, al direttore amministrativo e finanziario Gianluca Colabove e alla responsabile del progetto Francesca Nannelli. 

 

Confermata, quindi, la posizione della procura di Perugia che ritiene illegittima la somma pagata alla Congregazione che all'epoca dei fatti era guidata dal cardinale Crescenzio Sepe, attualmente arcivescovo di Napoli ed indagato dai pubblici ministeri umbri per corruzione insieme all'allora ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi. 

 

L'impianto accusatorio, in estrema sintesi, sostiene che Lunardi abbia concesso il finanziamento per la ristrutturazione dopo aver comprato da Propaganda Fide il palazzetto di via dei Prefetti per un terzo del valore effettivo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -