Ravenna, Bazzoni (PdL) riceve una richiesta di salvataggio per Marinara

Ravenna, Bazzoni (PdL) riceve una richiesta di salvataggio per Marinara

RAVENNA - "Alla vigilia dei primi ponti tanti lanciano un Sos per Marinara, l'unica che sembra non accorgersene è l'Amministrazione comunale. Questa doveva essere la stagione della svolta, secondo le speranze dei cittadini di Marina di Ravenna che hanno sopportato pazientemente tanti disagi, invece sarà un ulteriore passo verso il degrado." Lo dichiara Gianguido Bazzoni, candidato del Popolo della libertà al Consiglio regionale.

 

"Dopo quasi tre lustri dall'inizio dei lavori - spiega Bazzoni - l'opera è giunta quasi alla fine. E' stato un parto travagliato e dolorosissimo che ha lasciato ferite profonde sul corpo di Marina di Ravenna. Comunque è stato fatto un danno irreversibile: piazza Dora Markus ha perso per sempre il suo stupendo scorcio. Il cuore di Marina non batte più sul mare. La vista sull'Adriatico è persa per sempre, oscurata dal cemento armato e dai capannoni. Tutto questo per una mega-speculazione edilizia che poco aveva a che fare con gli amanti del mare, della vela e della nostra riviera. Adesso però, vista la latitanza di chi ha promosso e voluto fortemente questo intervento, dobbiamo concentrarci su come salvare e rendere produttiva Marinara affinché tutto il paese ne possa trarre benefici, dopo averne subito le offese. Una cattedrale nel deserto, come quella attuale, non serve a nessuno. Appartamenti e negozi, infatti, sono vuoti".

 

 "Marinara deve mettere Marina in vetrina in tutti i sensi - aggiunge Bazzoni -. Penso ad iniziative dedicati ai prodotti tipici della nostra terra, che possano portare persone da tutta la regione, fino da Milano. Non mi riferisco solo all'enogastronomia ma anche alla cultura ed allo sport. Ben vengano dunque mostre ed esposizioni artigianali, gare, raduni, agevolazioni di ogni genere. Il punto è che per far decollare il turismo di Marinara, e quindi quello di Marina di Ravenna, servirebbe l'interessamento delle amministrazioni locali. A partire dal Comune per arrivare fino alla Regione. Su Marinara hanno una grossa responsabilità perché è stata la sinistra che fin dalla posa della prima pietra ha voluto ed imposto il progetto così come si è configurato. Qui sono venuti Bersani, Errani, Mercatali, Albonetti, Matteucci e tutto lo stato maggiore del Pd-Ds. Adesso non si possono più tirare indietro, nonostante le difficoltà, le scelte discutibili e la crisi economica. Devono fare la loro parte fino in fondo".

 

 "Chiedo dunque - conclude Bazzoni - che le amministrazioni locali sostengano Marinara. Si faccia un bando per far ottenere finanziamenti agevolati ai negozi, si riuniscano le associazioni di categoria e si porti la questione in tutte le assemblee elettive. Personalmente, in caso di elezione, mi impegno a sostenere la vicenda durante le prime sedute del Consiglio regionale. Si studino con urgenza tutte le forme possibili per far finalmente partire Marinara. Il paese ha dato, ora tocca alla politica".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -