Ravenna, elezioni. Ancisi (LpR): "Onorato di essere il nemico di Matteucci"

Ravenna, elezioni. Ancisi (LpR): "Onorato di essere il nemico di Matteucci"

RAVENNA - Avvicinandosi la resa dei conti elettorale, Matteucci ha perso ogni fair play e si è messo a calciare agli stinchi, mostrando così chi è il suo vero pericolo. I sondaggi che il PD ha commissionato il mese scorso, pur fatti filtrare taroccati, parlano chiaro, vuoi che il suo gradimento sia scivolato al 55%, come dichiarato, vuoi al 53%, come più veritiero. Ad un passo dall'abisso, che è il 50%, sotto cui c'è il ballottaggio. Matteucci si è messo a giocare sporco, sperando che l'elettorato, in veste di arbitro, abbocchi alla messa in scena. Ecco dunque che la sua base di partenza diventa il 54,6% delle elezioni regionali, come se non si votasse per il Comune di Ravenna e come se egli non sia invece partito, quando è diventato sindaco, dal 69%, franando dunque, ad oggi, del 14-16%.

 

Tra i dati del sondaggio del PD che non si è voluto diffondere, c'è che la frana non è stata provocata solamente, come prevedibile, dai movimenti politici nazionali più sull'onda, i grillini a sinistra, la Lega a destra, ma anche e soprattutto dal consenso personale del sottoscritto, meritato esclusivamente per avere rappresentato un'opposizione civica attenta ai problemi della città e dei cittadini senza etichette di partito. Individuato dunque come il vero pericolo, Ancisi diventa "l'inventore di false liste civiche", dopo che, dal 1997 e per quattro elezioni comunali consecutive, ha guidato (non inventato) la più storica lista civica esistente in Italia (la migliore secondo giudizi diffusi e autorevoli), composta da persone di varia o di nessuna estrazione di partito. In queste elezioni, Lista per Ravenna è piena come mai di personalità che hanno scelto l'impegno civico in Lista per Ravenna avendo militato in partiti e movimenti di tutt'altro genere. Inoltre, Ancisi è stato preferito come candidato sindaco da altre tre formazioni civiche che dovrebbero denunciare Matteucci per diffamazione, avendole definite "false". Lo è forse la Lista del Mare, composta da gente tanto vera da soffrire sulla sua pelle la crisi di vitalità e di sviluppo in cui la nostra riviera è precipitata? E la lista dei Pensionati era vera solo quando scelse di stare con Matteucci, pentendosene poi amaramente, al punto da giudicare "fallimentare" la sua esperienza di sindaco?

Non è vero nemmeno che io abbia annunciato un'alleanza col centro-destra, bensì la necessità che tutte le forze di opposizione, mantenendo le rispettive identità, scelgano, nel ballottaggio, di produrre un cambio di governo in questa città, salutare dopo 41 anni di ininterrotto strapotere di un solo partito, sempre più invasivo e totalitario.

 

La mia opposizione è "distruttiva e corrosiva"? Quando un edificio è malsano e malridotto bisogna prima demolirlo e poi ricostruirlo su nuove fondamenta, avendone ben chiaro il disegno. Il progetto c'è e si chiama: "PROGETTO RAVENNA 2011-2016, PROPOSTA DI LISTA PER RAVENNA PER IL BUON GOVERNO DEL COMUNE", che ognuno può leggere e valutare su www.ancisi.org. Sono "Acido Muriatico"? C'è un'associazione inconscia in questa scherzosa definizione matteucciana. Forse non sa che è la principale componente del succo gastrico, forse responsabile della gastrite di cui mostra i sintomi. La cura migliore? Vada all'opposizione.

 

 

Alvaro Ancisi, candidato a sindaco per Lista per Ravenna

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -