Referendum, Berlusconi rileva: ''La Lega avrebbe fatto cadere il governo''

Referendum, Berlusconi rileva: ''La Lega avrebbe fatto cadere il governo''

Referendum, Berlusconi rileva: ''La Lega avrebbe fatto cadere il governo''

ROMA - "La Lega avrebbe fatto cadere il governo se fosse passato l'Election Day". E' quanto ha confessato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in visita nelle aree terremotate dell'Abruzzo. Mercoledì, al termine di un vertice a palazzo Grazioli, Pdl e Lega Nord hanno raggiunto l'intensa di non accorpare referendum sulla legge elettorale e elezioni europee, indicando le date del 14 o del 21 giugno come possibili per la consultazione referendaria.

 

"Mi spiace - ha continuato Berlusconi - che altri interpretino come una debolezza del premier e del Pdl aver ceduto ad una precisa richiesta di un partito della maggioranza che, ove non accolta, avrebbe fatto cadere il governo in un momento come questo, producendo una situazione irresponsabile". Il Cavaliere ha garantito che si cercherà di "ridurre al minimo gli sprechi andando al voto nel giorno dei ballottaggi per le amministrative", anche se ha sottolineato che la cifra relativa agli ‘sprechi' è inferiori ai 400 milioni indicati.

 

OPPOSIZIONE - Dura l'opposizione. "Berlusconi ci tiene tanto a far sapere che lui comanda ma poi ogni volta si piega ai ricatti di Bossi", ha tuonato il segretario del Pd, Dario Franceschini. "L'importante - ha proseguito - è che gli italiani sappiano che quel ricatto comporta che centinaia di milioni di euro saranno a carico dello Stato e tolti all'Abruzzo e alla crisi perché è questo che costa rinunciare a far votare insieme il 7 giugno referendum e elezioni amministrative".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

MARCEGAGLIA - Polemica anche il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia: "prima di parlare di un aumento delle tasse per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto vorrei vedere uno sforzo vero per la riduzione della spesa pubblica improduttiva: non accettiamo che si decida di non accorpare la data delle elezioni e del referendum spendendo 400 milioni dei cittadini".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -