Referendum, Lega Nord irritata: ''sorpresi da Berlusconi''

Referendum, Lega Nord irritata: ''sorpresi da Berlusconi''

Referendum, Lega Nord irritata: ''sorpresi da Berlusconi''

ROMA - Lega Nord irritata alle parole di Silvio Berlusconi che annunciato che voterà "sì" al referendum elettorale del prossimi 21 giugno. Il ministro Roberto Maroni si è detto "sorpreso e preoccupato" dalla scelta del premier. "E' una presa di posizione che noi non condividiamo e che cercheremo di fargli correggere", ha aggiunto Maroni. Poche ore prima il leader del Pd, Dario Franceschini, aveva dichiarato che la decisione di Berlusconi è "un'umiliazione della Lega".

 

"Berlusconi più che masochista è surrealista perché vuole abrogare una legge che hanno fatto lui e la sua maggioranza", ha detto Franceschini a "Faccia a faccia" su Radio Tre. "Nessun problema per noi, visto che Berlusconi tutti i giorni si sta impegnando ad umiliare la Lega, bocciando le ronde, le norme sui Cie e ora dicendo sì al referendum", ha aggiunto.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -