Regionali, Bonino inizia sciopero della fame e della sete

Regionali, Bonino inizia sciopero della fame e della sete

Regionali, Bonino inizia sciopero della fame e della sete

MILANO - "E' una costosissima e pesante iniziativa di speranza. Fatemi la grazia, per il rispetto che penso di meritare, se per una volta voleste evitare di chiamarla protesta. E' iniziativa di speranza e una chiamata all'impegno". Emma Bonino definisce così lo sciopero della fame e della sete intrapreso lunedì "in difesa della legalita' e della democrazia". L'annuncio è stato dato nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Milano e trasmessa da Radio Radicale.

 

La vicepresidente del Senato ha spiegato che la sua e' una "iniziativa di lotta, non di rassegnazione: e' un richiamare alla democrazia e alla speranza tutti quelli che non si rassegnano. Mi rivolgo ai delusi, ai confusi, anche chi ha votato altro, e anche ai rassegnati. Non e' il momento della rassegnazione. E' il momento di alzare la bandiera della legalita' e quella infangata della democrazia, non e' il momento di issare bandiera bianca".

 

Bonino ha denunciato il mancato rispetto della legge 43 del '95 dove ci sono tutti gli obblighi da rispettare per la candidatura delle liste: "Ho discusso e informato tutte le istituzioni preposte e il governo. Abbiamo denunciato la Rai, portato il dossier all'attenzione delle piu' alte cariche. Ci restavano due strade: o la rassegnazione o il tentativo estremo di un'iniziativa di lotta. Non e' accettabile che si possa accettare cosi' una discriminazione verso forze politiche come il partito piu' antico di questo Paese che ancora deve provare che esiste".

 

Nel nostro Paese, conclude la leader radicale, "la legalita' rimane un optional da richiamare nei convegni della domenica per esser piu' puntuali nella sua violazione dal lunedi' al venerdi'".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -