Riforme, intesa tra Fini e Veltroni

Riforme, intesa tra Fini e Veltroni

ROMA – “Uscire da un bipolarismo forzoso, ma non dal bipolarismo''. E’ questo il messaggio uscito dal vertice tra Gianfranco Fini e Walter Veltroni, rispettivamente leader di Alleanza nazionale e del Partito democratico. Tuttavia Fini ha precisato: “se il governo cade non c'è più la maggioranza, non ci sono più le condizioni per un dialogo e lo sbocco è solo il voto”. Per Veltroni, invece, è possibile trovare un proporzionale che garantisca comunque il bipolarismo.


Sì al proporzionale. Una legge proporzionale, superando il premio di maggioranza, con la scelta degli elettori, ma che rafforzi il sistema bipolare. Walter Veltroni, dopo l'incontro con Gianfranco Fini, ribadisce che ''bipolarismo e proporzionale non sono in contraddizione''. Il segretari del Pd risponde cosi' a Rosy Bindi e Arturo Parisi che temono di veder sepolto il bipolarismo.


Riforma elettorale e istituzionale. “Abbiamo espresso a Walter Veltroni il convincimento che un dialogo sulle riforme non significa dare un sostegno al governo Prodi”, ha spiegato Fini al termine dell’incontro. Il leader di An ha inoltre sottolineato che “le riforme istituzionali sono strettamente intrecciate alla legge elettorale.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -