Riforme, Veltroni: ''Da maggioranza nessun segnale dialogo''

Riforme, Veltroni: ''Da maggioranza nessun segnale dialogo''

“Una legislatura costituente sarebbe dovuta partire con un atteggiamento costituente, ad esempio di fronte all'elezione dei presidenti di Camera e Senato. E invece è mancato persino un minimo di discussione". A dirlo il segretario del Pd, Walter Veltroni, evidenziando come per l’elezione del presidente alla Camera non si è visto “nessun segnale di dialogo”. Veltroni si è detto disponibile “per riforme istituzionali che diano stabilità, trasparenza e velocità” al sistema.


Nessuna resa dei conti. "Nessuna resa dei conti all'interno del Partito democratico. Non so se con questo posso rassicurare o rattristare, so che sarebbe più spettacolare, ma non è così". E' quanto ha assicurato Veltroni. "La cosa peggiore – ha avvertito il segretario del Pd - sarebbe quella di tornare indietro".


"L'unica cosa su cui siamo tutti d'accordo è che bisogna avviare una discussione nel partito" ha riferito Veltroni al termine del 'caminetto' del Pd. Su come fare questa discussione, le idee in campo sono più di una, fa sapere il segretario: "Ci siamo presi una pausa di riflessione e nei prossimo giorni decideremo". Una discussione ampia amagari attraverso un congresso anticipato? chiedono i cronisti a Veltroni: "Da Statuto il congresso va fatto entro il 2009 ma puo' esserci anche un'altra scadenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alitalia. Non credo che a Bruxelles sarebbero entusiasti dell'ipotesi che lo Stato italiano si accolli un tale onere e, poi, dove sarebbero reperite le risorse? Sarebbe far tornare in campo lo Stato come nella Russia di Putin". Cosi' Veltroni ha risposto ai cronisti sulle nuove dichiarazioni di Silvio Berlusconi su Alitalia. "Tutto questo e' la conseguenza del fatto che si e' sbattuta la porta alla trattativa con Air France" ha concluso il leader del Pd.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -