Rimini, elezioni. Pdl: "Non metteremo mai la tassa di soggiorno"

Rimini, elezioni. Pdl: "Non metteremo mai la tassa di soggiorno"

RIMINI - "Come Coordinatore Provinciale del PDL, escludo nella maniera più assoluta che una nostra prossima Amministrazione introduca la tassa di soggiorno". Così risponde Lombardi anche candidato al Consiglio Comunale, ai timori espressi del Presidente Giorgetti a nome degli albergatori.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa "misura" appositamente richiesta dai Sindaci delle maggiori Città d'Arte è una mera facoltà e con il federalismo fiscale i nuovi Amministratori si dovranno finalmente prendere le loro responsabilità. Per l'Assessore Beltrami - conclude Lombardi - è inevitabile introdurla perché la mentalità della sinistra è quella di prima spendere e poi tassare i cittadini. La nostra ricetta invece va nella direzione della riduzione delle spese attraverso la riduzione degli sprechi e l'introduzione di massicce dosi di sussidiarietà orizzontale. Conseguentemente potremo non solo non introdurre la tassa di soggiorno, ma abbassare le tasse comunali almeno alle famiglie con l'introduzione del quoziente familiare". 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -