Rivoluzione alle Poste, Petitti: "Sospendere l'attuazione del riassetto dei servizi"

Evidenzia Petitti: “Siamo convinti che portare avanti un dialogo tra Poste Italiane e le comunità locali sia indispensabile al fine di rispettare le esigenze di tutti e non solo aziendal

Una situazione “confusa, sia sul piano nazionale che regionale”, conseguente a una “decisione calata dall’alto, non partecipata e non condivisa”. Per cui “è necessario sospendere i tempi di attuazione del riassetto dei servizi” e avviare tavoli di confronto e dialogo con i rappresentanti delle istituzioni. L’assessore regionale al Bilancio Emma Petitti scrive a Gino Frastalli, responsabile Area Territoriale Centro Nord di Poste Italiane, incontrato una prima volta in Regione a inizio marzo.

“Sarebbe stato auspicabile – dice Petitti – , da parte di Poste Italiane Area Centro Nord, mettere a punto un piano di incontri a livello territoriale per avviare il confronto con i soggetti coinvolti dalle chiusure e dalla razionalizzazione dei servizi. Ad oggi, invece, la situazione è confusa, sia sul piano nazionale che regionale”.

Dai territori emergono molte preoccupazioni relative a segnalazioni di uffici in chiusura già da metà aprile; nella lettera l’assessore richiama il “ruolo sociale” di Poste Italiane, “dal quale non può prescindere, soprattutto in fasi di cambiamento e riassetto che vanno a toccare da vicino la vita dei cittadini”. E, chi svolge un ruolo anche sociale, “non può e non deve ignorare il confronto con l’utenza, pena un ulteriore scollamento e distanza tra chi decide e chi subisce senza avere neppure avuto la facoltà di domandare e capire”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prosegue Petitti: “Siamo convinti che portare avanti un dialogo tra Poste Italiane e le comunità locali sia indispensabile al fine di rispettare le esigenze di tutti e non solo aziendali. Pertanto – conclude l’assessore – è necessario sospendere i tempi di attuazione del riassetto dei vostri servizi e predisporre al più presto un calendario per consentire tavoli di confronto e dialogo con i rappresentanti delle istituzioni locali e regionali”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -