Rom, scontro in Europa

Rom, scontro in Europa

Rom, scontro in Europa

Sulla questione dei Rom è un vero proprio scontro quello che si sta consumando in Europa. Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha risposto duramente al Commissario Ue alla Giustizia, che ha annunciato l'apertura di una procedura d'infrazione per i rimpatri dei nomadi disposti dal governo francese, tra un mare di polemiche: "Perché non li prende in Lussemburgo?".Il premier italiano Silvio Berlusconi si schiera al fianco di Sarkozy e contro la commissaria europea Reding.

 

"Ha sbagliato", ha affermato il Cavaliere. Interviene anche la cancelliera tedesca Angela Merkel: "D'accordo con Reding nella sostanza, non sui toni". Successivamente è giunta anche la presa di posizione degli Stati Uniti: "La Francia e gli altri Paesi rispettino i diritti dei rom".

 

Ad accendere la miccia era stata la reazione della Reding al documento francese a favore delle espulsioni di Rom. "Sembra che le persone siano espulse da uno Stato membro della Ue - aveva detto - soltanto perché appartengono a una certa minoranza etnica. Pensavo che l'Europa non sarebbe stata più testimone di questo tipo di situazioni dopo la seconda guerra mondiale".  

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -