Salta il taglio delle mini-province

Salta il taglio delle mini-province

Salta il taglio delle mini-province inserito nella carta delle autonomie. Il presidente della commissione Affari costituzionali della Camera e relatore del provvedimento, Donato Bruno ha presentato un emendamento soppressivo dell'articolo 14 del provvedimento che prevedeva la cancellazione delle province sotto i 200 mila abitanti. Due successivi emendamenti avevano di fatto limitato la portata del taglio a sole quattro province (Vercelli, Isernia, Fermo e Vibo Valentia).

 

La soppressione dell'articolo 14 è passata con i voti favorevoli di Pdl e Lega. Sì anche dal Pd che da subito aveva contestato l'incostituzionalità della norma, l'Api si è astenuta e l'Udc che chiedeva l'innalzamento della soglia di abitanti minima per provincia a 500mila, ha votato contro. Mercoledì Umberto Bossi aveva detto che con il taglio delle mini-province non cambierebbe niente dal punto di vista dei costi, in quanto "i lavoratori verrebbero scaricati in regione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -