Sardegna, Soru: con Berlusconi campagna elettorale fuori da ogni regola

Sardegna, Soru: con Berlusconi campagna elettorale fuori da ogni regola

Sardegna, Soru: con Berlusconi campagna elettorale fuori da ogni regola

"Una campagna elettorale fuori da ogni regola, direi truccata. La straripante presenza del presidente del Consiglio e dei suoi ministri, tutti precettati ad occuparsi della propaganda elettorale in Sardegna e' un'invadenza che stravolge le regole democratiche e impedisce che la competizione elettorale sarda si svolga in maniera serena".

 

Cosi' il candidato alla presidenza della Regione Sardegna, Renato Soru, nel corso di una conferenza stampa che si e' svolta a Cagliari, ha replicato alle dichiarazionie del Premier, Silvio Berlusconi, rilasciate nel corso di un'intervista a 'Mattino 5'.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di Pietro: Berlusconi faccia di bronzo. 'Ci vuole veramente una gran faccia di bronzo. 'Mister unpercento' ha problemi mentali se lui, proprio lui, un plurindagato al governo, si esprime nei confronti di un imprenditore come Soru con le affermazioni che oggi leggiamo sui giornali. Silvio Berlusconi, che sfrutta le istituzioni per sfornare leggi per se', per le sue aziende e per i suoi amici, dovrebbe essere prima presidente del Consiglio, poi capo di un partito. Sicuramente dovrebbe occuparsi dei problemi economici nazionali e non far campagna elettorale a spese dei contribuenti''. Cosi' Antonio Di Pietro, sul suo blog, replica all'affondo lanciato dal premier Silvio Berlusconi contro il governatore della Sardegna, Renato Soru.

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Martin
    Martin

    Dopo l'intervista di Berlusconi dei giorni scorsi, non ho parole! Spero che gli elettori comprendano che siamo tornati indietro di 8/900 anni, dal comune alla signoria. Sveglia! Cittadini non sudditi!

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -