Schiaffo di Tremonti a Berlusconi, governo ko sul rendiconto generale dello Stato 2010

Schiaffo di Tremonti a Berlusconi, governo ko sul rendiconto generale dello Stato 2010

Schiaffo di Tremonti a Berlusconi, governo ko sul rendiconto generale dello Stato 2010

Governo ko sul rendiconto dello Stato 2010. La Camera ha infatti bocciato l'articolo 1 del testo per un voto. Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, presente per alcuni minuti in Aula, ha accolto il voto con un gesto di stizza. Quando si è allontanato non ha degnato di uno sguardo il ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Si è poi diretto nelle stanze del governo dove lo ha seguito il ministro. Sul rendiconto di assestamento di bilancio Tremonti è risultato in missione.

 

Ma in precedenza sul Documento di economia e finanza, approvato con due soli voti di vantaggio, Tremonti non si è espresso. I lavori sono stati aggiornati a mercoledì mattina. Berlusconi è stato "salutato" dal grido "dimissioni-dimissioni" che si è levato dai banchi dell'opposizione. Secondo Gianfranco Fini questo voto "ha evidenti implicazioni di carattere politico". Esiste un precedente: nel 1988 anche il governo Goria venne battuto su un emendamento al Bilancio.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Io credo che il governo debba rendersi disponibile a un confronto politico e a verificare se abbia o meno la fiducia in Parlamento", ha affermato Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl. Anche il ministro della Difesa Ignazio La Russa, sembra d'accordo: "Berlusconi chieda la fiducia al Parlamento". Subito dopo il voto alla Camera è arrivato anche il capo dello Stato Giorgio Napolitano, accolto dagli applausi delle persone in piazza.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -