Scontro tra Fini e Berlusconi, resa dei conti vicina nel Pdl

Scontro tra Fini e Berlusconi, resa dei conti vicina nel Pdl

Scontro tra Fini e Berlusconi, resa dei conti vicina nel Pdl

 E' ridotto ai minimi termini il rapporto tra i due fondatori del Pdl, Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi. Le continue punture di spillo del presidente della Camera hanno irritato il presidente del consiglio a tal punto da far ventilare una vera e propria resa dei conti che potrebbe portare secondo alcuni alle estreme conseguenze del voto anticipato. Magari in coincidenza con la tornata elettorale del 2011 quando si voterà in molte città e province italiane, anche importanti (tra tutte Milano e Torino).

 

Fini smentisce di voler fare i bagagli. "Non ho nessuna intenzione di andarmene dal partito che ho fondato, e che è anche il mio - dice a Repubblica -. La vedo un po' complicata se mi cacciano e resto presidente della Camera, non credo che il governo ne avrebbe una gran convenienza".

 

Berlusconi reagisce lavorando tutto il fine settimana alla strategia da mettere a punto per ridurre a risicatissima minoranza il rivale interno e a non scalfire all'esterno l'immagine di solidità del suo governo. Intanto il Partito Democratico, con il vice segretario Enrico Letta, chiede all'Esecutivo di prendere atto della sua incapacità di governare e di passare la palla al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -