Scuola, ritorno ai banchi con polemica. Gelmini: ''Giornata storica''

Scuola, ritorno ai banchi con polemica. Gelmini: ''Giornata storica''

Scuola, ritorno ai banchi con polemica. Gelmini: ''Giornata storica''

ROMA - Suona la campanella per 8 milioni di studenti italiani. Con il ritorno ai banchi degli alunni parte anche la riforma della scuola. Il ministro dell'Istruzione, Mariastella Gelmini, l'ha definita "una giornata storica". "La scuola italiana - ha affermato l'inquilino dei viale Trastevere - cambia e parte la riforma che era attesa da decenni. Viene completamente ridisegnata la struttura della superiore, all'insegna della chiarezza e della modernità".

 

Con l'apertura del nuovo scolastico partono i nuovi licei, i nuovi istituti tecnici e professionali. Questi garantiranno "maggior collegamento tra scuola e lavoro, più attenzione alle materie scientifiche, più inglese e rilancio dell'istruzione tecnica e professionale", ha notato Gelmini.

 

Il ministro ha analizzato anche il caso di una classe dell'elementare Laparelli di Roma con alunni tutti stranieri: "C'è una regola, andrò a verificare nel caso di specie come mai ci ritroviamo con una classe di soli immigrati. Il tetto del 30% serve per evitare che alcune classi diventino classi ghetto".

 

Sulla questione precari, Gelmini ha garantito "150mila assunzioni in otto anni. Entro il 2018 assorbiremo 220 mila precari".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -