Scuola, ritorno sui banchi a ottobre? Gelmini valuta

Scuola, ritorno sui banchi a ottobre? Gelmini valuta

Scuola, ritorno sui banchi a ottobre? Gelmini valuta

Il ministro Mariastella Gelmini apre all'eventualità della riapertura delle scuole dopo il 30 settembre come proposto da senatore Giorgio Rosario Costa (Pdl) per aiutare il turismo. "Il nostro Paese vive di turismo e a settembre si possono avere migliori opportunità economiche per le vacanze - ha detto Gelmini -. Posticipare l'apertura dell'anno scolastico potrebbe aiutare molte famiglie e dare anche un aiuto al settore turistico. Vedremo come il Parlamento deciderà in merito".

 

La proposta non piace tuttavia alla Lega Nord. "E' inattuabile", ha tagliato corto la senatrice del Carroccio, Irene Aderenti. "La direttiva europea prevede 200 giorni di scuola e va rispettata. Se togliamo i giorni di scuola del mese di settembre si rischia di non rispettare questo minimo". Secondo Aderenti, posticipare l'apertura delle scuole metterebbe "in difficoltà le famiglie e i lavoratori dipendenti perchè questi alla fine di agosto, la maggior parte, iniziano il lavoro".

 

Divisi i sindacati confederali della scuola Flc Cgil e Uil scuola. Secondo il segretario della Flc Cgil

Mimmo Pantaleo quella del parlamentare Pdl è un'idea "un po' stravagante: non se ne capisce il senso a meno che, come sospettiamo noi, dato il parere favorevole anche della Gelmini, posticipare l'inizio dell'anno serva al ministero per prendere tempo per risolvere le mille incertezze in cui oggi versa il sistema", denunciando una "situazione caotica, soprattutto alle primarie e alle superiori".

 

Possibilista Massimo Di Menna (Uil scuola), per il quale "l'idea non è poi così malvagia, ma il mese di settembre dovrebbe essere dedicato ad attività "parallele", come attività di integrazione per bambini stranieri, corsi di recupero per gli studenti con lacune, accoglienza e orientamento alle prime classi superiori".

 

"La proposta si può approfondire trovando una soluzione - ha spiegato Di Menna - ma ancora una volta registriamo che sulla scuola si fanno tante proposte che creano dibattiti senza poi intervenire seriamente sui problemi strutturali del sistema, come il sostegno alla scuola pubblica e la retribuzione del personale".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -