Sfiducia a Calderoli, no della Camera

Sfiducia a Calderoli, no della Camera

Sfiducia a Calderoli, no della Camera

ROMA - L'Aula della Camera ha respinto la mozione di sfiducia presentata dall'Italia dei valori nei confronti del ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli. La mozione è stata bocciata con 188 sì, 293 no e 64 astenuti. A favore della mozione hanno votato l'Idv e il Pd; Udc e Fli si sono astenuti. Quando la vicepresidente Rosy Bindi ha letto l'esito della votazione si è levato un applauso dai banchi del centrodestra. Dopo il voto non sono mancate le polemiche.

 

L'Idv ha accusato il Terzo polo di aver tenuto un atteggiamento "piratesco" con l'astensione. "Il Terzo polo, dopo aver condiviso tutte le nostre censure al ministro Calderoli, si è pilatescamente e contraddittoriamente astenuto", ha affermato il portavoce di Idv Leoluca Orlando.

 

Calderoli era accusato di aver fatto abrogare il reato di associazione militare di stampo politico per evitare il processo a 36 camicie verdi scaricandone la responsabilità su un comitato scientifico del ministero della Difesa. Secondo Calderoli "è di evidenza solare che la volontà di procedere a tale abrogazione  non appartiene all'ufficio di cui sono responsabile quale ministro per la semplificazione normativa".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -