Sgarbi su Berlusconi: ''Non è stato offensivo''

Sgarbi su Berlusconi: ''Non è stato offensivo''

Sgarbi su Berlusconi: ''Non è stato offensivo''

ROMA - "Meglio essere appassionati di belle ragazze che gay". E' la battuta omofoba scelta dal premier Silvio Berlusconi per bollare il ‘caso Ruby' che lo ha investito nei giorni scorsi. Critiche sono arrivate dal mondo gay, dall'opposizione e, anche da alcuni esponenti della maggioranza. Il segretario delle Settimane Sociali della Cei, Edoardo Patriarca, ha parlato di "declino" delle istituzioni e di "coloro che le rappresentano".

 

Chi ha espresso solidarietà a Berlusconi è stato Vittorio Sgarbi. Il premier, ha affermato il critico d'arte a Liberonews, "mi ha chiamato e gli ho espresso la sua solidarietà. Mi ha detto: ‘E' quello che ci hanno insegnato i nostri genitori'. Nel mondo musulmano, ebraico e cristiano l'omosessualità non è una virtù. Dire che è meglio guardare le belle ragazze che essere gay non è una frase offensiva. I gay direbbero senza problemi: meglio andare con gli uomini o con le donne".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di LellaG
    LellaG

    ha ragione Sgarbi, e senza fare ulteriori polemiche dico che anch'io preferisco andare a uomini piuttosto che gay! Proteggere una categoria sarebbe sì, discriminazione...e finiamola con queste notizie trash (siamo proprio alla frutta!) Lellina

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -