Siria, Obama: "Un paese migliore senza Assad"

Siria, Obama: "Un paese migliore senza Assad"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sullo spargimento di sangue in Siria è intervenuto il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. L'inquilino della Casa Bianca ha evidenziato come il Paese "sarebbe un posto migliore senza Bashar el Assad", un leader che "ha perso legittimità", e ha avvisato che gli Usa terranno alta l'attenzione sul regime siriano. Nonostante il monito di Washington, undici persone sono state uccise nella città di Homs dalle forze dell'ordine che hanno aperto il fuoco contro i residenti del quartiere di Baba Amro.

Anche la Turchia ha chiesto a Damasco di cessare le violenze. "Abbiamo inviato un messaggio chiaro alla Siria chiedendo di fermare subito gli spargimenti di sangue nel paese", ha spiegato il premier turco, Recep Tayyip Erdogan. "La Siria ha rivolto le sue armi contro il proprio popolo - ha aggiunto - ora la nostra speranza è che nelle prossime due settimane Damasco possa compiere dei passi nella direzione delle riforme".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -