Sono vivi i 33 minatori intrappolati in Cile da 18 giorni

Sono vivi i 33 minatori intrappolati in Cile da 18 giorni

Sono vivi i 33 minatori, intrappolati, da 18 giorni, in una miniera di oro e di rame, nel Nord del Cile. Il presidente cileno, Sebastian Pinera, ha dato conferma che sono arrivati contatti con l'esterno attraverso un tunnel scavato per raggiungerli, nel quale i prigionieri hanno infilato un biglietto di carta. Secondo le prime ipotesi, però, serviranno almeno tre mesi per poterli tirare fuori. "I 33 di noi che sono nel rifugio stanno bene",è scritto sul biglietto.

 

Dopo il crollo del 5 agosto, solo domenica una sonda era arrivata a 688 metri di profondità, raggiungendo la galleria dove si supponeva che avessero trovato rifugio i lavoratori. Riuscendo così a portare fuori il messaggio dei minatori. La notizia ha fatto esplodere di gioia le oltre 200 persone che aspettavano, a Copiago, notizie sugli intrappolati.

 

I soccorritori sono riusciti a far passare nel micro tunnel scavato anche una telecamera che ha rimandato, attraverso le lenti, le immagini di alcuni di loro. El Mercurio de Chile, riporta che, una volta stabilite le comunicazioni e consegnati acqua e alimenti, si introdurrà una sonda di maggiori dimensioni per iniziare il trasporto in superficie degli intrappolati. Secondo l'esperto, però, le operazioni potrebbero durare fino a quattro mesi.

 

 

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -