Spostare ministeri al Nord, polemiche e divisioni nel centrodestra

Spostare ministeri al Nord, polemiche e divisioni nel centrodestra

Spostare ministeri al Nord, polemiche e divisioni nel centrodestra

Ad una settimana dai ballottaggi, scoppia la polemica nel centrodestra per lo spostamento dei ministeri da Roma a Milano. Una proposta avanzata dalla Lega Nord e da Berlusconi, ma che non è piaciuta a molti importanti esponenti del centrodestra. Tensioni che fanno salire nuovamente il clima di tensione a Milano e nel panorama politico italiano, la cui attenzione è tutta catalizzata sullo ‘spareggio' che domenica e lunedì avrà luogo a Milano tra Letizia Moratti e Giuliano Pisapia.

 

Nella destra le tensioni si accentuano. La Lega Nord soffia sul fuoco della polemica interna al Pdl. "Io sono abituato che nel Pdl decide Berlusconi e lui ci ha detto di sì, a me questo basta", ha detto il ministro leghista Roberto Calderoli a proposito dell'ipotesi di spostare ministeri al Nord.

 

Berlusconi, forse anche per compensare le polemiche, ha corretto il tiro: "Ci sono già a Milano dipartimenti delle opere pubbliche e del provveditorato scolastico, penso che non ci sia nessuna difficoltà a che alcuni ministeri possano venire a Napoli e in altre città anche del sud, e che potranno essere in grado di lavorare conoscendo da vicino le situazioni".

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -