Stroncato da un'overdose, morto il figlio di Max Mosley

Stroncato da un'overdose, morto il figlio di Max Mosley

Disgrazia in casa Mosley. Alexander Mosley, primogenito del presidente della Fia, è stato trovato senza vita nel suo appartamento di Notting Hill, a Londra. Il decesso del 39enne sarebbe avvenuto martedì a causa di una overdose di sostanze stupefacenti. A dare l'allarme è stato un parente. I soccorritori, purtroppo, non hanno potuto fare nulla per strapparlo alla morte. Il lutto arriva a poco più di un anno dal polverone sollevato dal video di un'orgia nazista, che aveva come protagonisti il presidente della Fia e cinque prostitute.

 

La stampa inglese scrisse che una delle cinque ragazze con Mosley era la moglie di un agente dell'MI5, l'agenzia per la sicurezza e il controspionaggio del Regno Unito. Max Mosley vinse la sua causa contro il domenicale britannico "News of the world" che nel marzo del 2008 pubblicò il filmato dell'orgia.

 

Il giudice stabilì che la privacy dell'uomo è stata violata senza motivo perché la notizia "non aveva un interesse pubblico". Al presidente della Federazione Internazionale di Automobilismo riconosciuto un risarcimento di 60mila sterlina (circa 76 mila euro).

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -