Stupro, mandato d'arresto internazionale per il fondatore di Wikileaks

Stupro, mandato d'arresto internazionale per il fondatore di Wikileaks

Stupro, mandato d'arresto internazionale per il fondatore di Wikileaks

STOCCOLMA - Mandato d'arresto internazionale per il fondatore del sito Wikileaks, Julian Assange. L'uomo è sospettato dalla magistratura svedese di stupro, molestie sessuali e coercizione nei confronti di due donne nella scorsa estate. La vicenda risale all'agosto scorso: il fondatore di Wikileaks, il sito che ha rivelato migliaia di documenti segreti, è accusato di un stupro che avrebbe avuto luogo a Enkoping, oltre a tre casi di molestie a Stoccolma.

 

Un mandato di arresto nei confronti di Assange era già stato spiccato il 20 agosto, e poi ritirato ore dopo. Nel frattempo, l'australiano ha ammesso tramite il proprio legale di aver conosciuto le due donne che lo accusano, di 25 e 35 anni. Assange si è difeso, escludendo di aver fatto "sesso non consensuale" rifiutandosi di aggiungere altro poiché "sono fatti privati".

 

Il mese scorso WikiLeaks ha pubblicato oltre 70mila documenti militari segreti sull'Afghanistan, in quello che le autorità americane hanno definito una delle più grandi violazioni di sicurezza nella storia dell'esercito a stelle e strisce.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -