Tangenti in Francia, l'accusatrice di Sarkozy scappa: poi nega

Tangenti in Francia, l'accusatrice di Sarkozy scappa: poi nega

Tangenti in Francia, l'accusatrice di Sarkozy scappa: poi nega

Viene parzialmente ridimensionato l'impianto accusatorio Claire Thibout, l'ex contabile di casa Bettencourt che nei giorni scorsi ha fatto alcune rivelazioni su una presunta tangente che avrebbe visto coinvolto anche il presidente Nicolas Sarkozy. La donna era scomparsa mercoledì ma poi è stata ritrovata nel sud della Francia. La signora aveva abbandonato la propria abitazione a Parigi e aveva spento il telefono cellulare, quasi nel tentativo di far perdere le proprie tracce.

 

La polizia l'ha ritrovata nella serata di mercoledì da alcuni familiari. A farle scattare la molla della fuga sarebbe stato il panico per il clamore suscitato dalle sue affermazioni. La Thibout avrebbe confermato agli inquirenti i 50.000 euro in contanti, prelevati in banca, consegnati ai suoi datori di lavoro, la famiglia Bettencourt.

 

Una famiglia che Sarkozy frequentava abitualmente e che, secondo le prime affermazioni dell'ex contabile, avrebbe fornito finanziamenti all'attuale presidente della repubblica francese sin dai tempi in cui era sindaco della città di Neuilly. Questa circostanza è stata poi smentita, secondo fonti vicine alla polizia francese, dalla stessa Thibout che ha definito "romanzate" le indiscrezioni su presunte tangenti incassate da Sarkò.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -