Tensione in Siria, il Kuwait e il Bahrein ritirano l'ambasciatore

Tensione in Siria, il Kuwait e il Bahrein ritirano l'ambasciatore

Tensione in Siria, il Kuwait e il Bahrein ritirano l'ambasciatore

Continua la presa di posizione dei Paesi arabi contro la violenza del regime di Assad in Siria all'indomani delle violenze nella città orientale di Deir Al-Zor con oltre 50 vittime. Il Kuwait e il Bahrein hanno ritirato il loro ambasciatore e al-Azhar, la massima autorità teologica sunnita al Cairo, ha chiesto di mettere fine allo "spargimento di sangue". "Al-Azhar ha pazientato a lungo ed evitato di parlare della situazione in Siria per la sua sensibilità", ha dichiarato l'imam.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma la "situazione ha passato ogni limite e non c'è altra soluzione che mettere fine a questa tragedia araba e islamica", aggiunge. Domenica anche il re saudita Abdullah aveva richiamato il suo ambasciatore a Damasco. I ministri degli Esteri dei Paesi del Golfo si incontreranno il prima possibile per discutere delle violenze contro i manifestanti siriani.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -