Terremoto in Nuova Zelanda, 75 le vittime Oltre 300 i dispersi

Terremoto in Nuova Zelanda, 75 le vittime Oltre 300 i dispersi

Terremoto in Nuova Zelanda, 75 le vittime Oltre 300 i dispersi

ROMA - E' salito a 75 il numero delle vittime causato dal terremoto che ha colpito lunedì Christchurch, in nuova Zelanda. Il bilancio è destinato purtroppo a salire: si contano infatti oltre 300 dispersi. Il primo ministro neozelandese, John Key, ha decretato lo stato di emergenza nazionale, assicurando ai cittadini di Christchurch che l'intero Paese è con loro e non li abbandonerà. I soccorritori, affiancati dai militari, sono impegnati a cercare i dispersi.

 

Gran parte della città è ancora senza acqua e senza luce. E nel frattempo continuano le scosse di assestamento. Da lunedì se ne sono contate 110. La scossa devastante è stata di magnitudo 6.3 della scala Richter. Il sisma è stato più distruttivo di quello di 7,1 gradi verificatosi il 4 settembre scorso perché si è verificato a soli quattro chilometri di profondità. Anche il papa Benedetto XVI ha espresso il proprio cordoglio per le vittime.

 

In un telegramma indirizzato al vescovo di Christchurch, Barry Jones, a firma del cardinale segretario di Stato, Tarcisio Bertone, il Pontefice si è detto addolorato per la devastazione e la perdita di tante vite umane ed esprime vicinanza a quanti sono stati colpiti da questa tragedia e piangono i propri cari. Affidando le vittime ''all'amore misericordioso di Dio'', il Papa assicura alla popolazione di Christchurch e alla nazione neozelandese le sue preghiere.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -