Terrorismo, torna in libertà l'ex brigatista Marina Petrella

Terrorismo, torna in libertà l'ex brigatista Marina Petrella

Terrorismo, torna in libertà l'ex brigatista Marina Petrella

La Procura della Corte d'Appello di Versailles ha deciso la scarcerazione di Marina Petrella per ragioni di salute. L'ex terrorista delle Brigate rossa sara' rimessa in liberta' sotto controllo giudiziario, che implica l'interdizione a uscire dal territorio francese e l'obbligo di cura. La Petrella era stata ricoverata in ospedale il 23 luglio scorso e le sue condizioni di salute sono state definite critiche. La Procura stessa aveva chiesto il rilascio della donna.

 

La stanza dell'ospedale Saint-Anne in cui è ricoverata Petrella, non sarà più piantonata dalla polizia alla luce della sentenza. Condannata in Italia all'ergastolo a seguito di una serie di reati tra cui anche l'assassinio di un commissario, l'ex brigatista rischia comunque l'estradizione in Italia.

 

I suoi avvocati difensori hanno fatto sapere che Marina Petrella sta molto male, peserebbe appena 39 chili e si rischierebbe il suicidio se non venisse rimessa in libertà: è rifugiata in Francia sin dal 1993. Il primo ministro francese Francois Fillon ha già decretato l'estradizione, ma ora l'ultima parola resta del Consiglio di Stato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -