Tg1, Minzolini critica Rizzo Nervo. Insorge Garimberti

Tg1, Minzolini critica Rizzo Nervo. Insorge Garimberti

Tg1, Minzolini critica Rizzo Nervo. Insorge Garimberti

E' scontro tra il direttore del Tg1 Augusto Minzolini e il presidente della Rai Paolo Garimberti. Tutto ha avuto inizio giovedì mattina quando su Repubblica vengono resi noti dal consigliere Nino Rizzo Nervo, una serie di dati Auditel che indicano un calo degli ascolti del Tg nell'edizione delle 20: dal 32,79 per cento del 2006 con Riotta, al 32,69 nel 2007, al 29,64 nel 2008 al 28,12 da marzo 2009. E ad aprile il calo sarebbe ulteriore, con lo share del 27,5 per cento.

 

Numeri che secondo Rizzo Nervo sono preoccupanti, perché passata la soglia del 30% il Tg1 non è più "un riferimento" per gli italiani. Minzolini si è difeso, accusando Rizzo Nervo di essere "fazioso, un uomo ridicolo". Perché, ha aggiunto, "Riotta ha perso tre punti in tre anni, io uno solo. Ho contenuto la perdita e c'è stato lo switch off, il passaggio al digitale, con la differenziazione che conosciamo e che prima non c'era".

 

"Un conto è il diritto di critica, anche aspra. Altra cosa sono gli insulti. Come Presidente del Consiglio di Amministrazione della Rai, non posso tollerare che un direttore insulti un consigliere - ha affermato il presidente della Rai, Paolo Garimberti -. Al di là dei chiarimenti, che non mi pare smentiscano la sostanza delle cose, Minzolini ha perso una buona occasione per tacere. Ma più in generale si sta perdendo in Rai una buona occasione per tenere il dibattito sulle questioni Rai all'interno delle regole e dei confini aziendali".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -