Thailandia, si ritirano le "camice rosse": due morti negli scontri

Thailandia, si ritirano le "camice rosse": due morti negli scontri

BANGKOK - Sono concluse in Thailandia le proteste anti governative delle "camice rosse" fedeli all'ex premier Thaksin Shinawatra. I manifestanti hanno abbandonato le loro posizioni attorno al monumento della Vittoria nel centro di Bangkok, dopo che erano stati circondati dalle truppe del governo, sostenute da una folla di cittadini arrabbiati per i disordini. Duranti gli scontri hanno perso la vita un 19enne ed un cinquantenne, mentre le persone rimaste ferite sono 101.

 

Fonti governative avevano attribuito i due decessi non ad un'azione della polizia, come denunciato dai sostenitori di Shinawatra, che avenano accusato i militari di avere utilizzato proiettili veri e non di gomma, usati solitamente in azioni non belliche. Durante i disordini è stato dato alle fiamme un palazzo del ministero thailandese dell'Istruzione.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Farnesina ha invitato agli italiani di rinviare eventuali viaggi previsti in Thailandia. Inoltre è stato consigliato a coloro che si trovino a Bangkok "di rimanere il più possibile in hotel/casa e di evitare in ogni caso luoghi ove siano presenti assembramenti e manifestazioni, prestando la massima attenzione nei propri movimenti".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -