Tunisia, ancora scontri nel palazzo presidenziale

Tunisia, ancora scontri nel palazzo presidenziale

Tunisia, ancora scontri nel palazzo presidenziale

TUNISI - In Tunisia proseguono senza tregua gli scontri dopo la fuga in Arabia Saudita dell'ex presidente Ben Ali. Domenica l'esercito ha preso d'assedio il palazzo presidenziale di Cartagine, vicino a Tunisi, dove alcuni irriducibili del presidente si sono rinchiusi per una resistenza ad oltranza. Il primo ministro Mohammed Ghannouchi ha già promesso tolleranza zero contro chi semina violenza e disordini, ma l'appello sembra non essere stato sufficiente.

 

Appartenenti ad alcuni gruppi armati sono stati arrestati dalla polizia, mentre colpi di arma da fuoco e scontri sono proseguiti per l'intera giornata in diversi quartieri della città. Intanto domenica si è registrata la morta del fotografo francese Lucas Mebrouk Dolega, 32 anni, morto dopo stato ferito venerdì dal lancio di una granata. Ucciso anche il nipote della moglie di Ben Ali.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -