Turchia, ucciso a coltellate vescovo italiano

Turchia, ucciso a coltellate vescovo italiano

La vittima, Luigi Padovese

ROMA - Ucciso a coltellate un sacerdote cattolico italiano in Turchia. La vittima è Luigi Padovese, 63 anni, vicario apostolico dell'Anatolia. L'omicidio è stato commesso nell'abitazione dell'alto prelato. Padre Federico Lombardi, portavoce del Vaticano, ha definito il delitto un "fatto orribile" ed "incredibile". "Siamo costernati", ha aggiunto. Padovese avrebbe dovuto partecipare, da venerdì, alla visita del Papa a Cipro (che non subirà alcun cambiamento).

 

Il sacerdote era stata nominato come vicario dell'Anatolia l'11 ottobre 2004 e consacrato a Iskenderun il 7 novembre dello stesso anno. Nel 2006 Padovese ha concelebrato con monsignor Camillo Ruino i funerali di don Andrea Santoro, ucciso nel 2006 a Trebisonda.

 

"Cio che è accaduto - ha detto padre Lombardi - è terribile, pensando anche ad altri fatti di sangue in Turchia, come l'omicidio alcuni anni fa di don Santoro". Secondo quanto riportato dal quotidiano cattolico ‘Avvenire' sul proprio sito internet, Padovese è stato ucciso dal suo autista, al quale la vittima aveva aperto la porta di casa. L'uomo, che è stato arrestato, era da tempo sotto cura psicologica.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -