Ultimatum degli insorti a Gheddafi: ''Lasci il paese entro 72 ore''

Ultimatum degli insorti a Gheddafi: ''Lasci il paese entro 72 ore''

Ultimatum degli insorti a Gheddafi: ''Lasci il paese entro 72 ore''

ROMA - Il capo del Consiglio nazionale provvisorio libico, costituitosi a Bengasi, l'ex ministro della giustizia Mustafa Abdel Jalil, ha affermato alla tv satellitare Al Jazeera che se Muammar Gheddafi "lascia il Paese entro 72 ore, e ferma i bombardamenti, noi non lo perseguiremo" per i suoi crimini. "Siamo disposti a trattare con Gheddafi ma solo con lui e direttamente e solo se assicura che intende dimettersi", ha affermato Jalil in un'altra intervista alla tv Al Arabiya.

 

"Per trattare con noi Gheddafi deve subito ordinare il cessate il fuoco alle sue truppe e cessare i bombardamenti su Al-Zawiyah e su Ras Lanuf - ha detto l'ex ministro della giustizia - deve poi dimettersi e dopo possiamo trattare e siamo disposti a fargli come concessione la possibilità di non essere perseguito e processato una volta che si recherà in esilio all'estero".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -