Unità d'Italia, il 17 marzo sarà festa. La Lega: ''Incostituzionale''

Unità d'Italia, il 17 marzo sarà festa. La Lega: ''Incostituzionale''

Unità d'Italia, il 17 marzo sarà festa. La Lega: ''Incostituzionale''

ROMA - Il 17 marzo sarà festa nazionale per celebrare la ricorrenza dei 150 anni dall'Unità d'Italia. E' quanto ha stabilito il Consiglio dei ministri. Alla decisione non hanno aderito tre ministri. Roberto Calderoli ha manifestato tutto il suo disappunto, dicendosi contrario "sia per il costo diretto che è insito in una festività con effetti civili che per quello indiretto, che proverrà dallo stimolo di allungare la festività in un ponte da giovedì fino a domenica".

 

"Se vogliamo rilanciare davvero il Pil di questo Paese con il decreto legge abbiamo fatto l'esatto contrario", ha tuonato il ministro per la Semplificazione, Roberto Calderoli. "In un Paese che ha il primo debito pubblico europeo e il terzo a livello mondiale e in più farlo in un momento di crisi economica internazionale è pura follia. Ed è anche incostituzionale", ha aggiunto.

 

Ha gettato acqua sul fuoco il ministro della Difesa, Ignazio La Russa: "Non c'è nessuna rottura, nessuna frattura" con la Lega, "ma solo una diversità di opinioni. Non obbligheremo nessuno a festeggiare l'Unità d'Italia, chiediamo solo rispetto".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di luciano54
    luciano54

    E si deve abolire anche S.Rosalia che a quanto ci risulta viene festeggiata a Palermo quando in Padania si lavora. On. Calderoli

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -