Uragano Xynthia in Francia, 45 morti

Uragano Xynthia in Francia, 45 morti

Uragano Xynthia in Francia, 45 morti

PARIGI - E' di almeno 45 vittime il bilancio della tempesta "Xynthia", una delle più violente negli ultimi dieci anni, arrivata dall'Atlantico con raffiche di vento fino a 150 chilometri l'ora, che ha colpito la Francia. Il primo ministro francese Francois Fillon ha definito la tempesta "una catastrofe naturale", spiegando che potrebbero essere necessari alcuni giorni prima di poter ripristinare il servizio elettrico che ha lasciato al buio centinaia di migliaia di persone.

 

Alcune delle vittime sono affogate, mentre altre sono state colpite dalla caduta di alberi e rami. In totale, sono un milione le abitazioni rimaste senza elettricità in tutto il Paese. Trenta morti, il tributo più pesante all'ondata di maltempo, è stato pagato dalla Vandea, dove la gente è morta annegata. Vittime anche in Charente Maritime e nei Pirenei, causati dalla caduta di alberi, dal crollo di tetti, dagli oggetti che le raffiche di vento hanno trasformato in proiettili.

 

Prima di investire la Francia, Xynthia ha seminato vittime in Spagna (tre nel nord) e in Portogallo (un bambino annegato sul litorale). Quindi si è spostata verso Belgio, Olanda e Germania, dove già si contano le prime vittime: due tedeschi. In Belgio ha perso la vita un uomo che si trovava nel suo giardino a una quarantina di chilometri da Bruxelles.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -