Usa, prende in ostaggio studenti ed insegnante. Poi si toglie la vita

Usa, prende in ostaggio studenti ed insegnante. Poi si toglie la vita

Ha fatto irruzione in un liceo del Wisconsin e ha preso in ostaggio per cinque ore 23 compagni di scuola ed una insegnante. Quindi ha tentato di suicidarsi con un colpo di arma da fuoco, uccidendosi. Protagonista in negativo dell'episodio uno studente di 15 anni della scuola di Marientte. La polizia ha fatto infine irruzione nella classe quando ha sentito sparare colpi da fuoco. L'insegnante e gli altri studenti sono usciti dal brutto episodio tutti illesi.

 

La polizia prima del blitz aveva circondato la scuola, comunicando con il ragazzo tramite l'insegnante tenuta in ostaggio. Ma il capo della polizia Jeffery Skorik ha detto che l'adolescente non ha presentato precise richieste e che i motivi del suo gesto rimangono sconosciuti. Stando ai primi racconti degli ostaggi, lo studente appariva depresso e non sembrava avesse intenzione di fare del male. Nella scuola stavano guardando un film quando il ragazzo ha estratto l'arma e ha aperto il fuoco contro il proiettore.

 

Quindi ha esploso un altro colpo. Cinque dei 23 ostaggi sono stati rilasciati 20 minuti prima dell'irruzione della polizia nella classe, dopo aver chiesto di poter andare in bagno. Gli altri 18 studenti e l'insegnante, che ha mediato tra il ragazzo e le autorità, sono stati rilasciati solo dopo l'intervento degli agenti. All'interno le forze dell'ordine hanno rinvenuto un fucile calibro 22 ed una pistola semiautomatica da 9 millimetri, con le rispettive custodie.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -