''Vaffa'' a Fini, censura per il comportamento di La Russa

''Vaffa'' a Fini, censura per il comportamento di La Russa

''Vaffa'' a Fini, censura per il comportamento di La Russa

ROMA - Censura per il comportamento di Ignazio La Russa durante la bagarre che si è scatenata la scorsa settimana a Montecitorio nel corso della seduta sul processo breve. Lo ha stabilito l'Ufficio di presidenza della Camera su proposta dei questori, nei confronti del ministro della Difesa, che lo scorso 30 marzo aveva apostrofato con un "vaffa" la terza carica dello stato, Gianfranco Fini. La lettara sarà inviata per conoscenza anche al premier Silvio Berlusconi.

 

La Russa si era reso protagonista di uno scontro verbale con diversi esponenti dell'opposizione. Il presidente della Camera l'aveva richiamato ad un comportamento più consono all'Aula, al quale aveva rivolto un gesto di stizza da più parti interpretato come un "vaffa". La Russa la sera stessa aveva poi avuto un colloquio telefonico con Fini, con cui aveva cercato di chiarire l'accaduto.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -