Vertice Italia-Russia, siglata intesa tra Eni e Gazprom

Vertice Italia-Russia, siglata intesa tra Eni e Gazprom

Vertice Italia-Russia, siglata intesa tra Eni e Gazprom

ROMA - Il premier Silvio Berlusconi ed il presidente Dmitry Medvedev rilanciano la partnership economica tra Italia e Russa. Tra gli accordi siglati, quello tra Eni e Gazprom per l'ingresso della compagnia francese EdF nel progetto "South Stream", il sistema di gasdotti, attualmente allo studio, che collegherà la Russia all'Unione Europea attraverso il Mar Nero. "Sono orgoglioso e molto soddisfatto dell'accordo tra Eni e Gazprom", ha affermato il Cavaliere.

 

"L'accordo su South stream garantirà la sicurezza delle forniture di gas che dalla Siberia arriveranno in Europa senza passare dall'Ucraina e senza incidenti di percorso", ha aggiunto il presidente del Consiglio. Il progetto, comunica Eni, contribuirà "a migliorare in maniera significativa la sicurezza di approvvigionamento di energia per l'Europa". L'intensa è stata firmata dal presidente di Gazprom, Alexey Miller, e l'amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, alla presenza di Medvedev e Berlusconi.

 

Complessivamente sono stati siglati 17 accordi intergovernativi e commerciali nel corso del vertice italo-russo in corso a Villa Madama, dove hanno partecipato anche i ministri Tremonti, Frattini, La Russa, Zaia, Gelmini, Scajola e Sacconi. Si va dalle energie rinnovabili, alla collaborazione in campo agricolo e al ricoproco riconoscimento dei titoli di studio. Raggiunta un'intesa anche per favorire lo sviluppo delle piccole e medie imprese, sia russe che italiane. Firmati accordi anche nel campo della giustizia, dei beni culturali, dei trasporti e del turismo. Per quanto riguarda le intese commerciali sono stati siglati accordi da Eni, Alitalia, Finmeccanica, Pirelli e Mediobanca.

 

Al centro del bilaterale anche il nucleare italiano, le relazioni tra Russia e Nato, il tema della sicurezza energetica e l'accordo di partenariato tra Unione europea e Mosca. "Sono stato lieto di accogliere il presidente della Federazione russa con quasi tutto il governo - ha affermato Berlusconi in conferenza stampa. - L'eccezionalità dell'avvenimento è testimoniato dal fatto che qui ci sono 24 ministri. Questo dimostra anche l'eccezionalità di rapporti che esiste tra i due Paesi". "Ci siamo trovati d'accordo su tutto. C'è una grande amicizia tra di noi", ha evidenziato.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -