Via libera del Senato al decreto legge incentivi

Via libera del Senato al decreto legge incentivi

Via libera del Senato al decreto legge incentivi

Con 163 voti favorevoli, 134 contrari e zero astenuti il Senato ha votato, in seconda lettura, la fiducia al decreto legge incentivi, che diventa legge. Il testo prevede incentivi all'acquisto per alcuni settori industriali in crisi, la stretta all'evasione fiscale internazionale, la soppressione degli uffici provinciali del Tesoro, il 5xmille anche alle fondazioni, l'esenzione dall'Iva solo per il servizio postale universale e lo stop alle ipoteche sulla casa per debiti con il Fisco al di sotto degli 8mila euro.

 

Ecco le principali misure:

 

CONTRASTO ALLE FRODI FISCALI E FINANZIARIE: il testo introduce l'obbligo, a carico dei contribuenti che effettuano scambi commerciali con soggetti aventi sede, residenza o domicilio nei paradisi fiscali, di inviare una comunicazione telematica relativa alle operazioni effettuate (contrasto alle cosiddette "operazioni carosello"). I Paesi interessati dalla disciplina sono quelli indicati nella black list fatta salva la facolta', per il ministro dell'Economia e delle finanze, di includere ulteriori Paesi ovvero di escludere alcuni di quelli gia' inclusi mediante l'emanazione di un decreto non regolamentare.

 

CREDITI IMPOSTA: interviene sui procedimenti amministrativi di controllo della corretta fruizione dei crediti d'imposta, prevedendo la trasmissione, dall'Agenzia delle entrate alle amministrazioni e agli enti tenuti al recupero delle somme indebitamente fruite, dei dati relativi ai crediti d'imposta indicati nelle dichiarazioni fiscali ovvero utilizzati in compensazione per il pagamento di imposte, tributi o contributi

 

DEFLAZIONE CONTENZIOSO TRIBUTARIO: Apporta modifiche alla disciplina vigente in materia di processo tributario, prevedendo modalita' semplificate per la notifica e il deposito della sentenza emessa dagli organi giurisdizionali, facilitando la rateizzazione delle somme dovute a seguito di conciliazione giudiziale, accertamento con adesione ed acquiescenza e, infine, abrogando le disposizioni che subordinavano la proposizione dell'appello principale, da parte delle articolazioni periferiche dell'Amministrazione finanziaria, ad apposita autorizzazione da parte degli organi regionali. Inoltre i contribuenti che, dopo aver vinto il fisco in primo e secondo grado, vengono trascinati in Cassazione o in Commissione tributaria centrale possono risolvere le proprie pendenze con il pagamento di un importo pari al 5% della controversia.

 

INCENTIVI: Istituisce un Fondo per il sostegno della domanda in particolari settori (motocicli, cucine componibili, elettrodomestici, macchine agricole, banda larga, efficienza energetica industriale) finalizzata ad obiettivi di efficienza energetica, ecocompatibilita' e miglioramento della sicurezza sul lavoro, con una dotazione di 300 milioni di euro per il 2010. Prevista anche un'agevolazione fiscale finalizzata ad incentivare gli investimenti in ricerca industriale e sviluppo precompetitivo, per la realizzazione di campionari, nei settori di industria tessile e di attivita' di confezione di articoli di abbigliamento e di articoli in pelle e pelliccia.

 

PIANO CASA: Ampliati gli interventi nel campo dell'edilizia per i quali non occorre la dichiarazione di inizio attivita' (la Dia) come ad esempio la manutenzione ordinaria.

 

5XMILLE: Viene esteso alle associazioni e alle fondazioni.

 

EDITORIA: Ripristinate le tariffe agevolate per le onlus per il quale viene previsto un contributo di 30 milioni di euro per il 2010.

 

GIOCHI: Le maggiori entrate del settore affluiscono per l'anno 2010 al fondo "per il finanziamento della partecipazione italiana alle missioni internazionali di pace".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -