Wikileaks, Frattini contro Assange: ''Va catturato''

Wikileaks, Frattini contro Assange: ''Va catturato''

ROMA - Il ministro dell'Interno ha le idee chiare: il padre di Wikileaks, Julian Assange, va "catturato ed interrogato per capire che gioco fa e per capire chi c'è dietro di lui". Secondo il titolare della Farnesia, il destino di Assange è un tribunale: "E' ricercato non solo in America, ma in almeno altri dieci Paesi al mondo. Ci sono parecchi magistrati che si stanno interessando a lui".  "Mi sembra strano - ha proseguito il capo della Farnesina - che l'atto illegale di una singola persona possa nascere dal nulla e solo dalla volontà di destabilizzare rapporti globali".

 

Ha cercato di buttarla sul ridere Silvio Berlusconi. "I festini selvaggi? Magari. Ma non ho più l'età per certe cose...", avrebbe ironizzato il premier a margine del Consiglio dei ministri, sottolineando ancora una volta che si tratta di "falsità, rivelazioni di funzionari di quarto grado".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -