Wikileaks, l'ambasciatore Usa: ''Per D'Alema i giudici sono una minaccia''

Wikileaks, l'ambasciatore Usa: ''Per D'Alema i giudici sono una minaccia''

Wikileaks, l'ambasciatore Usa: ''Per D'Alema i giudici sono una minaccia''

ROMA - Nuove rivelazioni di Wikileaks pubblicate sul quotidiano spagnolo "El Pais". Nel dispaccio segreto del 3 luglio del 2008 si rilevava che quando Massimo D'Alema era nel 2007 ministro degli Esteri disse all'allora ambasciatore americana a Roma, Ronald Spogli, una frase che avrebbe potuto essere tranquillamente attribuita al premier Silvio Berlusconi. Ovvero, ha scritto Spogli, che "la magistratura è la più grande minaccia allo Stato italiano".

 

Aveva scritto spogli: "Nonostante anni di dibattiti sulla necessità di una riforma del sistema, non sono stati fatti progressi significativi. Gli italiani considerano il loro sistema "rotto" e hanno veramente poca fiducia sul fatto che garantisca giustizia".

 

Immediata la replica di D'Alema, affidata ad una nota nella quale ha evidenziato come "Accanto ad osservazioni ovvie su fughe di notizie e intercettazioni, viene riportato un giudizio abnorme sulla magistratura che non ho mai pronunciato, che non corrisponde al mio pensiero e che evidentemente all'epoca è stato frutto di un fraintendimento tra l'ambasciatore Spogli e me".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di collina
    collina

    tutti si possono ricordare che nn hai mai costruito qualche cosa di solido hai sempre mediato ed andato a braccetto con silvio,l'unico che hai permesso di riarmare i nostri militari e farli partecipare alla guerra,vai bene perchè se il partito ordina la base vota,se la gente fosse autonoma neanche il posto di lustrascarpe vi toccherebbe,penso proprio che quello riferito da Spogli sia vero

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -